Ormai siamo nel secolo del risparmio energetico: la sostenibilità ha un ruolo fondamentale sia nella progettazione che nelle esecuzioni. Tutti gli aspetti di ogni singolo fabbricato viene concepito e studiato seguendo regole green… ma i materiali? Anche i materiali non sono da meno e oggi vorremmo parlarvi del cemento ecologico, uno degli ultimi ritrovati dell’edilizia ecosostenibile.

Il cemento ecologico viene detto anche fibrocemento ed ha la capacità di ridurre notevolmente la produzione di CO2 durante la sua realizzazione. Infatti questo tipo di materiale è realizzato da geo-polimeri cioè dei materiali di origine sintetica a base di allumino-silicati che hanno bisogno di una temperatura di produzione inferiore rispetto al tradizionale cemento riducendo notevolmente la produzione di CO2.

Le caratteristiche fisiche del cemento ecologico in termini di durabilità e resistenza sono paragonabili a quelli del cemento tradizionale così come la resistenza agli agenti chimici.

Cemento ecologico: i vantaggi

Abbracciare ecologia e sostenibilità porta con se non pochi vantaggi per la salute e per l’ambiente. Tra tanti ricordiamo:

  • usato nelle fondazioni il cemento ecologico riduce le sostanze nocive nell’aria (vantaggio per gli abitanti e per l’ambiente)
  • costi di produzione ridotti
  • velocità di posa
  • risponde a tutte le norme UNI
  • certificato e non radioattivo
  • perfetto sia per interrati che per fondazioni
  • ottima resistenza meccanica tale da soddisfare la NTC 2008

Torneremo presto a parlare di cemento ecologico, continuate a seguirci.

 

Photo Credit