Siamo ormai abituati a sentir parlare di indice di prestazione energetica e classificazione energetica degli edifici, lo siamo così tanto che molti acquirenti prima di fare il grande passo ed acquistare la loro abitazione, si chiedono: ma quanto consuma? E’ importante farsi questo genere di domande perchè vivere in una casa ad alte prestazioni energetiche ha molti vantaggi. Basti pensare che una casa di dimensione medie adatta ad una famiglia di 4 persone, ha un consumo (sempre medio) di circa 150/200 kWh per mq. Sembra poco, ma è moltissimo se confrontiamo questo dato con quello relativo alle case costruite in base alla bio-edilizia che permettono di raggiungere consumi ridicoli, vicini a 30 kWh al mq. Un quindo del consumo medio. Se poi pensiamo che questi valori si traducono in un risparmio economico di soldi veri in bolletta, il vantaggio è notevole!

Volete qualche cifra? Una casa in classe A di 100 mq costa circa 160 euro l’anno di riscaldamento. Una casa delle stesse dimensioni ma in classe energetica inferiore, ha un costo che può oscillare tra i 1000 e i 2000 euro l’anno.

Ma tutto si riduce a volgarissimo denaro? In parte sì, ma non solo. La casa ecocompatibile inquina anche molto meno, perché consuma meno, quindi fa bene all’ambiente e al futuro dei nostri bambini. Pensate che scegliere una casa di classe energetica A ci può portare a ridurre fino all’80% le emissioni di anidride carbonica prodotta dal riscaldamento, condizionamento e dai sistemi di produzione dell’acqua calda. Senza dimenticare che garantiscono il massimo comfort abitativo: caldo in inverno, fresco in estate, risparmio idrico grazie all’uso delle acque reflue per uso tecnologico o per innaffiare il giardino e tante altri piccoli accorgimenti che ci aiutano a vivere meglio, in armonia con noi stessi e con l’ambiente che ci circonda.

 

Photo Credit